x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
ENG
Blog
Facebook ads e i testi ad hoc
25/09/2015


Per scrivere un ottimo annuncio Facebook bisogna essere diretti, utili e coinvolgenti. In teoria molto semplice, metterlo nero su bianco un po’ meno. Vediamo cosa succede se guardiamo a queste componenti fondamentali della lingua.


Contenuto

Ci siamo: dobbiamo capire qual è l’informazione che permetta agli utenti di identificarsi con il messaggio. La cosa più banale è trasportare nel copy proprio quei dati forniti da Facebook per selezionare il pubblico della campagna. Se l’avete voluta indirizzare agli appassionati di yoga, scrivetelo!
Per tutto il resto ricordate la formula R. O. T. ovvero: results, objections, timeframe.



Stile

Facebook, come tutti i social media, ha azzerato le distanze non solo fisiche ma sociali. Quindi utilizzate una seconda persona singolare o plurale, e parlate da un punto di vista personale: il ‘noi’ fa molto comunicato stampa
Una recente ricerca mette in evidenza che sotto i 35 anni la leva emotiva o didattica fa più presa rispetto agli over 35, che invece si dimostrano più interessati all’aspetto economico o alle opinioni in merito.



Lessico

Scegliendo le parole giuste realizzeremo un’efficace invito all’azione. Gli anglofoni le chiamano power word, in italiano atti linguistici direttivi, cioè espressioni con cui comandiamo, preghiamo, consigliamo o invitiamo. Facendo attenzione a non inciampare nelle prime due, il suggerimento e l’esortazione acquistano il massimo dell’efficacia mettendo in prima posizione verbi come “scoprire”  o “partecipa”. Sono (quasi) d’obbligo le parole “ora” e “nuovo”.



Sintassi

Per un copy da manuale bisogna concentrarsi sui benefici offerti al pubblico. Sappiamo che le interrogative coinvolgono meglio di una affermativa, ma avete mai provato a porre la frase in maniera negativa? Ad esempio trasforma il “miglior prezzo” nel “prezzo più basso”. Oppure prendendo spunto dai punti deboli dei nostri concorrenti potremo trasformare il “regalo perfetto per..” in una lista di “10 regali che non dovresti mai fare”.







Postato da: TERZOMILLENNIUM Press Office
Precedente
Prossima
Vieni a trovarci qui
address
Ogni domanda ha la sua risposta
mail
Raccontaci la tua storia
callme
Terzomillennium è un marchio Future Smart Srl
Privacy Policy - P.IVA/C.F.: 04218180232