x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
ENG
Blog
Facebook Attribution: nuovo tool gratis per gli inserzionisti
30/10/2018

Zuckerberg lancia un modello di attribuzione del valore delle iniziative marketing basato sui dati di Facebook. Le aziende o le agenzie di comunicazione, grazie a questo nuovo tool gratuito, potranno comprendere in modo più preciso l’aumento di valore che ha creato l’inserzione. Facebook Attribution si basa su esperimenti controllati effettuati su gruppi casuali, riuscendo a definire in modo più preciso, rispetto ai tool precedenti, il valore incrementale delle inserzioni. Non solo Facebook, questo modello è stato creato per aiutare gli inserzionisti anche di Instagram, Audience Network e Messenger.

 

Fino ad oggi, ogni iniziativa di marketing che si poneva l’obiettivo di ottenere conversioni, aveva difficoltà a quantificare la qualità dell’inserzione, stabilendo in modo approssimativo le conversioni organiche ottenute, rispetto a quelle dovute alle sponsorizzazioni. Quindi il problema degli inserzionisti è sempre stato quello di capire quale sia il reale valore apportato dall’inserzione. Facebook Attribution si basa su dati precedentemente acquisiti dal social – una quantità infinita – rendendo questi calcoli accurati ed affidabili.

 

 

Solitamente, per capire il valore di un’inserzione, viene utilizzata un’attribuzione incentrata sull’incrementalità, che si basa sullo storico (ad esempio quante magliette vengono vendute al mese) confrontandolo con i risultati ottenuti dopo la pubblicazione del post a pagamento (quante magliette sono state vendute dopo l’inserimento dell’iniziativa social). In questo modo, tuttavia, non si possono comprendere eventi esterni che potrebbero aver influenzato la vendita delle magliette (per continuare con l’esempio). La modalità di attribuzione basata sui dati permette di adattarsi a strategie differenti con obiettivi diversi e capire a campagna in corso, cosa sta funzionando e cosa invece c’è da modificare.

 

Infine, come per tutte le novità del mondo social, non ci resta che provare. Il tempo e l’esperienza degli inserzionisti ci farà capire quanto, questo modello, potrà cambiare il modo di fare marketing sui social

 
Postato da: Davide Aldegheri
Precedente
Prossima

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter.

Inviando questo Form accetti le condizioni della privacy pubblicate su questo link
Vieni a trovarci qui
address
Ogni domanda ha la sua risposta
mail
Raccontaci la tua storia
callme
Terzomillennium è un marchio Future Smart Srl
Privacy Policy - P.IVA/C.F.: 04218180232