Blog
Il web monitoring è più facile se usi Talkwalker
13/02/2018

Per le attività di analisi e monitoraggio delle conversazioni sul web, c’è una piattaforma che può esserti davvero d’aiuto, in alternativa al famoso Google Alert e alla più tradizionale ricerca tramite query. Sto parlando di Talkwalker, un efficiente strumento di web monitoring che, in pochi secondi, è capace di fornirti una panoramica completa su engagement, diffusione e viralità dei contenuti di cui desideri conoscere la popolarità in rete.

 

Talkwalker è disponibile in varie lingue, fra cui l’italiano, e si può usare sia nella versione gratuita che a pagamento (ovviamente più ricca e potente della prima). Questa piattaforma può esserti utile per:

- scoprire e classificare le conversazioni su uno specifico tema, brand o prodotto,

- misurare il tasso di engagement e i risultati della presenza social di un brand,

- confrontare fra loro le prestazioni di due o più brand mediante benchmark.

 

 

Talkwalker

 

 

Vediamo nel dettaglio come funziona il processo di web monitoring con Talkwalker: inserendo nella barra di ricerca l’azienda, il marchio o il servizio che desideri monitorare, otterrai molte informazioni, reperite su tutti i principali social network, blog e siti di news.

A differenza di Google Alert, che invia una mail contenente un report sulla parola chiave selezionata, Talkwalker consente anche di operare una ricerca molto più dettagliata, definendo la query in modo molto specifico.

Una volta che la ricerca è impostata su una keyword, la piattaforma procede in autonomia con la raccolta di informazioni, a meno che non si decida di rimuoverla dalle ricerche attive.

 

I risultati delle ricerche sono ordinate secondo le seguenti metriche:

 

- Performance. Indica quante volte il termine ricercato è stato usato nei diversi social network.

- Influencer. Mostra i primi 10 influencer che hanno usato il termine.

- Sentiment. È il tipo di percezione della community online rispetto alla ricerca (positiva, negativa, neutra).

- Themeclode. Riguarda i top trend associati alla ricerca.

- Dati demografici. Indica la distribuzione del termine ricercato per Paese, lingue e genere

- Mappamondo. Grafici a torta che mostrano le regioni geografiche d’interesse e la diffusione nelle stesse della nostra ricerca.

 

 

Talkwalker

 

Risulta quindi molto semplice e veloce avere una panoramica sulla nostra ricerca, che non manca di certo di dettagli utili per monitorare a 360° il web e le sue conversazioni.

Fra le altre funzionalità gratuite, Talkwalker dà la possibilità di attivare gli Alert - proprio come il già citato Google Alert - attraverso i quali la piattaforma ti invierà a cadenze regolari un report con i contenuti trovati in base alle tue preferenze di ricerca.

 
 
 
 
Postato da: Anna Laura Bianchi
Precedente
Prossima
Vieni a trovarci qui
Ogni domanda ha la sua risposta
Raccontaci la tua storia
Terzomillennium è un marchio Future Smart Srl
P.IVA/C.F.: 04218180232