x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
ENG
Blog
E se i Professori del futuro fossero dei robot?
18/07/2017
Siamo ormai tutti abituati all’idea di un futuro in cui alcune, se non la maggior parte, delle azioni dell’uomo, possono essere compiute da robot dotati di intelligenza artificiale assimilabile alla nostra: film, libri e televisione hanno trattato spesso l’argomento.

È differente, e da un lato impressionante, quando le proiezioni dello schermo si trasformano in realtà: l’esempio più recente è Bepper, il primo professore robot, presentato durante la cerimonia di chiusura dell’anno accademico della Business School dell’Università di Bologna.

Bepper, versione modificata del celebre Pepper, androide prodotto dai francesi di Aldebaran, è un umanoide in grado di interagire con l’uomo ed effettuare ragionamenti grazie all’elaborazione dei contenuti che ha “appreso”. Non agisce sulla base di domande preorganizzate, ma è in grado di effettuare veri e proprie “riflessioni” sulla falsariga del cervello umano.

Questo professore robot è stato prodotto dalla multinazionale giapponese Softbank e il suo cervello è Watson, il sistema di intelligenza artificiale creato dal colosso informatico IBM.
Durante la cerimonia in cui è stato presentato, il laureando in informatica Alessandro Cocilova ha interrogato davanti all’Aula Magna gremita questo robot, presentandolo al pubblico come se fosse una persona e ponendogli anche delle domande per spiazzarlo: “Cosa sono i ricordi per te?”. “Sono immagini stampate nel mio cuore, ti insegnano sempre qualcosa”. Questa l’incredibile risposta di Bepper.

Il tutor robotico inizierà collaborando con i docenti dell’Executive Master. È in grado di affrontare qualsiasi argomento, e darà la possibilità alla classe manageriale che si sta formando di avere un assaggio del mondo del futuro, in cui, forse, i nostri figli potrebbero avere un cugino di Bepper come professore!


 


Postato da: Anna Laura Bianchi
Precedente
Prossima

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter.

Inviando questo Form accetti le condizioni della privacy pubblicate su questo link
Vieni a trovarci qui
address
Ogni domanda ha la sua risposta
mail
Raccontaci la tua storia
callme
Terzomillennium è un marchio Future Smart Srl
Privacy Policy - P.IVA/C.F.: 04218180232