x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
ENG
Blog
Realtà virtuale e realtà aumentata: come sta cambiando il marketing contemporaneo
23/09/2016
Experience economy, engagement, customer experience: il marketing moderno è ormai sempre più alla ricerca di metodi nuovi per coinvolgere i propri clienti, cercando di vendere loro esperienze prima che prodotti,  qualcosa da ricordare e da raccontare.

La tecnologia in questo gioca naturalmente un ruolo fondamentale, e così, tra le più innovative strategie di engagement, ecco che i brand si contendono la realtà virtuale e la realtà aumentata.


Premessa. Non tutti sanno che tra l’una è l’altra vi sono delle sostanziali differenze: se la realtà virtuale immerge l’utente in una dimensione completamente elaborata al computer, attraverso l’utilizzo di device specificatamente studiati (e spesso molto costosi), la realtà aumentata si appoggia ad un semplice smartphone per aggiungere dati ed informazioni all’ambiente naturale circostante.

La seconda è la via più percorsa al momento, grazie alla facilità di reperimento dei dispositivi (ognuno di noi in tasca ormai ha uno smartphone) e ai costi contenuti di realizzazione delle app da mettere a disposizione dei propri clienti.

Un esempio fra tanti: il noto brand di arredamento svedese offre un catalogo interattivo che, attraverso una app di augmented reality, permette di vedere la propria casa arredata da cima a fondo con mobili dai nomi impronunciabili.



Ma queste tecnologie hanno chiaramente un mare infinito di possibilità ancora inesplorate, cosa che le rende una forte attrattiva per i marketer più attenti ai trend del futuro, ma le carica anche di criticità che ne rendono il decollo ancora lento e difficile.

Sta di fatto che queste innovazioni hanno già cambiato, nostro malgrado, il modo di pensare ed organizzare lo storytelling di un'azienda. Perché quindi non immaginare di raccontare la vision di un brand attraverso la costruzione di ambienti virtuali che ne riflettano i valori, o immergere virtualmente (e letteralmente) i consumatori  in un prodotto, affinché ne possano comprendere a fondo qualità e caratteristiche?


Insomma, nonostante le numerose critiche sollevate dagli scettici, è inevitabile che queste nuove frontiere stiano scatenando la nostra più fervida immaginazione.
Postato da: Sarah Meo
Precedente
Prossima
Vieni a trovarci qui
address
Ogni domanda ha la sua risposta
mail
Raccontaci la tua storia
callme
Terzomillennium è un marchio Future Smart Srl
Privacy Policy - P.IVA/C.F.: 04218180232